Definizioni

EHS

Per elettroipersensibilità o ipersensibilità elettromagnetica (EHS) si intende un'elevata (iper)vulnerabilità ai campi elettromagnetici (CEM) a bassissima frequenza e a radiofrequenza. È accompagnata da un'ampia gamma di sintomi e comporta forti limitazioni alla qualità di vita. I sintomi diminuiscono o scompaiono quando si evitano questi CEM.

Gli esseri umani hanno 5 sensi: vista, udito, olfatto, gusto e tatto. L'uomo non ha recettori per le radiazioni elettromagnetiche, ad eccezione della luce visibile. Pertanto non possiamo percepirle direttamente. Ma le persone affette da EHS possono riconoscerla indirettamente attraverso i suoi effetti. Possono sentirne le conseguenze dopo essere stati esposti per qualche tempo.

Come esempio possiamo prendere le radiazioni elettromagnetiche ultraviolette. Gli esseri umani non hanno recettori nemmeno per queste. Tuttavia, dopo un po' di tempo si può capire se si è stati esposti: la pelle si abbronza e, se esposta troppo a lungo, si sente scottata.

Lo stesso vale per le radiazioni elettromagnetiche a bassissima frequenza e a radiofrequenza. Esse hanno effetti biologici e quanto più lunga è l'esposizione tanto più facilmente se ne percepiscono gli effetti.

Possibili sintomi, dopo un'esposizione da una a diverse ore a CEM a bassissima frequenza e a radiofrequenza:
(elenco non limitativo)

  • acufeni (forti), fischi e/o ronzii
  • ipersensibilità ai rumori forti e alla luce
  • nervosismo, irritabilità, aggressività
  • forte mal di testa, nausea, vertigini
  • gravi difficoltà di pensiero, problemi nel parlare
  • perdita di memoria a breve termine, disorientamento
  • sonnolenza, forte desiderio di dormire o insonnia
  • variazione della pressione arteriosa e del battito cardiaco, aritmia
  • cedimento nervoso, irrigidimento dei muscoli, crampi muscolari
  • problemi di glicemia, ipoglicemia
  • formicolio, bruciore, pelle unta, eruzione cutanea, lesioni, eczema, parestesia, disestesia
  • palpebre gonfie, bocca secca, lingua dolorosa
  • piedi freddi, brividi, sensazione di influenza
  • sensazione di stanchezza mortale

A seconda della gravità della EHS, la persona può sviluppare solo alcuni o più di questi sintomi. L'intensità delle reazioni può variare da lieve a grave.

Vedi anche:

1. D Belpomme e P. Irigaray:
L'elettroipersensibilità come disturbo patologico neurologico recentemente identificato e caratterizzato: Come diagnosticarla, trattarla e prevenirla

2. Linea guida EUROPAEM EMF 2016, sul trattamento della EHS.

3.Rivista internazionale di scienze molecolari
L'importanza critica dei biomarcatori molecolari e dell'imaging nello studio dell'elettroipersensibilità. Un rapporto internazionale di consenso scientifico

© 2022 Europeans for safe connections.