Problemi

Distruggere il nostro ambiente

11. Perché il 5G non è stato valutato dal punto di vista ambientale?

Perché gli impatti della digitalizzazione sono esenti dalla valutazione ambientale nella legge dell'UE.

Gli Stati membri hanno la competenza e il dovere di valutare ambientalmente quello che viene chiamato "progetto".

Le varie attività dell'ambiente sono quindi soggette a valutazioni d'impatto locale tranne l'esposizione dell'ambiente alle radiazioni pericolose di radiofrequenza e gli impatti della digitalizzazione perché non sono chiamati "progetto". Anche la diffusione del 5G non è ufficialmente chiamata progetto.

L'esclusione del termine "progetto" per lo spiegamento in generale delle infrastrutture di telecomunicazione ha apparentemente reso possibile l'installazione delle reti 5G in Europa senza valutazioni preventive dell'impatto sulla salute e sull'ambiente.

Gli Stati membri non possono adempiere al loro obbligo di proteggere l'ambiente da tale esposizione, anche se la legge nazionale impone loro di garantire un ambiente sano e sicuro per le persone che vi abitano. In questo modo le leggi ambientali locali vengono scavalcate e l'industria può installare qualsiasi tipo di dispositivo, non importa quanto dannoso per l'ambiente.

SOLUZIONE:


12. E il massiccio consumo di elettricità?

Lungi dall'essere una soluzione al cambiamento climatico, l'impronta ecologica dell'economia digitale raggiungerebbe il suo picco con il 5G.

Il 5G è "un Energy Hog", ovvero un … esempio di efficienza energetica. Il 5G è lontano dall'essere una soluzione al cambiamento climatico. Al contrario, l'impronta ecologica digitale raggiungerà il suo picco con il 5G.

Secondo i studi dell'industria, il consumo di energia dei dispositivi e delle reti wireless crescerà esponenzialmente. Il consumo di energia wireless crescerà del 160% fino al 2030 e il 5G aumenterà le emissioni globali di CO2 di circa 250 megatoni.

Secondo il progetto Shift: "Il consumo di energia delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) aumenta del 9% ogni anno. È possibile limitare questa crescita all'1,5% all'anno passando a pratiche digitali sobrie. La transizione digitale, così come è attualmente attuata, partecipa al riscaldamento globale più di quanto aiuti a prevenirlo. La necessità di agire è quindi urgente".

L'impronta ambientale della digitalizzazione è cresciuta enormemente e continuerà a crescere. Per esempio, c'è stato un forte aumento dello streaming di film in alta risoluzione. L'Ultra HD richiede dieci volte più dati rispetto alla risoluzione HD e con più dati è necessaria più energia.

SOLUZIONE:


13. E l'enorme spreco di materie prime?

Ogni smartphone contiene più di 1000 sostanze...

... ognuna con la sua catena di approvvigionamento ad alta intensità energetica e che emette rifiuti tossici che sono una minaccia per l'ambiente.

Oltre all'attuale diffusione della tecnologia 5G con enormi quantità di cavi e antenne, l'introduzione di miliardi di dispositivi wireless collegati al 5G (come elettrodomestici, orologi, vestiti, pannolini, tende) nella nostra vita quotidiana espanderà il consumismo, l'obsolescenza tecnologica e i rifiuti elettronici difficili da riciclare.

I costi ambientali dell'"aggiornamento" a un nuovo dispositivo o a un nuovo programma che spesso richiede un nuovo computer e nuove periferiche, ognuno con energia incorporata e tossine, è estremamente alto.

Il rapporto OCSE del 2018 Global Material Resources Outlook to 2060 riconosce il ruolo della digitalizzazione nell'aumento esponenziale delle risorse estratte (minerali e metalli delle terre rare). Il rapporto prevede un raddoppio dell'uso globale di tali materiali primari tra oggi e il 2060. Aumenterebbe anche l'inquinamento e l'esaurimento delle acque, la distruzione degli habitat, la deforestazione e la siccità, gli impatti sulla flora/fauna e la salute umana.

SOLUZIONE:


14. Perché gli sprechi di risorse e di energia non sono considerati?

Perché i dispositivi elettronici senza fili non sono inclusi nell'attuale direttiva Ecodesign...

... che richiede che i produttori di prodotti che utilizzano energia siano obbligati, in fase di progettazione, a ridurre il consumo di energia e altri impatti ambientali negativi dei prodotti

La direttiva 2009/125/CE sulla progettazione ecocompatibile stabilisce i requisiti per la progettazione ambientale dei "prodotti connessi all'energia" (ErP) per 40 prodotti, che non includono i dispositivi elettronici utilizzati per la digitalizzazione.

Mentre l'obiettivo primario della direttiva è quello di ridurre l'uso di energia, essa mira anche a prendere in considerazione altri fattori ambientali: l'uso dei materiali, l'uso dell'acqua, le emissioni inquinanti, i problemi di rifiuti e la riciclabilità.

Si prevede che il lancio del 5G porterà sul mercato molti nuovi dispositivi interconnessi, la maggior parte dei quali sostituirà i loro predecessori. Così, il ciclo di acquisto di nuovi dispositivi e di smaltimento di quelli vecchi viene notevolmente incrementato. Invece di ridurre l'impatto ambientale e risparmiare energia ci sarebbe un'intera nuova industria che costruisce migliaia di satelliti, nuove generazioni di una quantità esplosiva di antenne, dispositivi elettronici come centinaia di milioni di telefoni cellulari, tablet, anche internet of underwater things e così via.

SOLUZIONE:


15. L'UE classifica il wireless come inquinante?

No, ma le compagnie di assicurazione sì.

L'UE definisce un inquinante come: "una sostanza o un gruppo di sostanze che possono essere dannose per l'ambiente o per la salute umana a causa delle loro proprietà e della loro introduzione nell'ambiente". E poi fornisce una lista di 91 inquinanti.

I campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF EMF), tuttavia, non sono inclusi in questa lista anche se molti scienziati li considerano un inquinante.

È inaccettabile che l'UE non classifichi i campi elettromagnetici a radiofrequenza come inquinanti, mentre le compagnie di assicurazione, che non vogliono assicurarsi contro certi danni relativi agli inquinanti, definiscono chiaramente i campi elettromagnetici a radiofrequenza come inquinanti:

"Per inquinanti si intende: Qualsiasi irritante o contaminante solido, liquido, gassoso o termico, compresi fumo, vapore, fuliggine, fumi, acido, alcali, prodotti chimici, campi elettrici prodotti artificialmente, campo magnetico, campo elettromagnetico, onde sonore, microonde, e tutte le radiazioni ionizzanti o non ionizzanti prodotte artificialmente e rifiuti. I rifiuti includono materiali da riciclare, ricondizionare o bonificare". (Assicurazione mobile AT&T)

SOLUZIONE:


16. Come impatterà il 5G sugli ecosistemi?

Nessuno lo sa, perché l'impatto della tecnologia 5G sugli ecosistemi viventi non è monitorato.

Centinaia di studi scientifici peer-reviewed indicano fortemente che i campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF EMF) causano effetti biologici a livelli molto inferiori ai valori limite attuali.

I livelli di esposizione ai campi elettromagnetici RF sono aumentati dai livelli naturali che sono estremamente bassi, già di circa 1018 volte.

Senza monitoraggio ci troviamo di fronte ai seguenti problemi:

  • La diffusione del 5G contravverrà alle attuali leggi ambientali (direttiva Habitat e Uccelli) nei regolamenti dell'UE e alle convenzioni di Berna e Bonn che proteggono l'habitat naturale e le specie migratorie.
  • La biodiversità continuerà a diminuire. Più del 75% di declino in 27 anni nella biomassa totale degli insetti volanti nelle aree protette può essere causato solo da inquinanti diversi da quelli che sono già stati esaminati.
  • Gli insetti vivono in campi elettromagnetici naturali, e se questi sono super esposti dai campi artificiali dei telefoni cellulari avrà gravi conseguenze. I risultati degli studi mostrano che la dimensione delle colonie di api, il rendimento delle api operaie, l'apporto di polline, la produzione di miele, la capacità di orientarsi, le api soffrono e la loro difesa immunitaria è indebolita sotto l'influenza dei telefoni cellulari.

SOLUZIONE:


17. Qual è il pericolo dei satelliti?

Non c'è una valutazione dei detriti spaziali e dei fumi dei satelliti.

I satelliti in orbita terrestre bassa hanno una breve durata di vita, dopo 5 anni devono essere deorbitizzati e bruciare nell'atmosfera dove danneggiano lo strato di ozono durante la combustione.

I satelliti hanno anche un certo tasso di fallimento. Un tasso di fallimento di circa il 2,5% non è male in questo settore, ma se questo numero vale per la flotta Starlink di SpaceX, potrebbe portare a più di 1.000 satelliti morti.

Ci sono attualmente circa 7.000 tonnellate di detriti spaziali in orbite vicino alla Terra (mentre ci sono altre 3.000 tonnellate di veicoli spaziali attivi).

ASTRIAGraph, un framework che permette il monitoraggio, la valutazione e la verifica del comportamento degli attori spaziali, ha sviluppato una mappa interattiva degli oggetti intorno alla Terra dove è possibile visualizzare i detriti.

SOLUZIONE:

Gli astronomi si lamentano dell'inquinamento luminoso e radiofonico.

Il numero di oggetti artificiali nell'orbita terrestre sta già limitando gravemente le osservazioni astronomiche non solo nell'ottica ma anche nello spettro radio. In pochi anni, la quantità di luce indesiderata dispersa nell'atmosfera potrebbe aumentare la luminosità complessiva del cielo notturno di oltre il 10% rispetto al livello naturale.

La luminosità dei satelliti è molto alta per i sensibili strumenti astronomici. L'European Southern Observatory (ESO) ha pubblicato una simulazione dell'impatto dei satelliti sugli strumenti ottici.

Infine, ma non meno importante, disturbano la visione naturale del cielo notturno, che è il patrimonio naturale e culturale dell'umanità di massima importanza.

SOLUZIONE:

Non esiste una valutazione ambientale delle radiazioni di radiofrequenza.

I satelliti emettono radiazioni nello spettro delle radiofrequenze (3-30 GHz). Vedi di più nel nostro articolo sul blog dell'UE.

A livello del suolo, le radiazioni dei satelliti saranno piuttosto basse, ma anche le radiazioni molto basse hanno effetti biologici sugli organismi viventi. E con una copertura così estesa dei satelliti, non ci saranno più posti sulla Terra senza radiazioni artificiali nello spettro radio.

Anche se l'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni gestisce le frequenze wireless, non esiste un organismo internazionale con l'autorità di regolare i lanci di satelliti. Gli scienziati del rapporto SATCON1 sono preoccupati per i 100.000 o più LEOsats proposti da molte aziende e molti governi per essere distribuiti.

SOLUZIONE:


18. Spazio orbitale - una risorsa da sfruttare liberamente?

Per legge lo spazio orbitale non è considerato parte dell'ambiente, per questo non ci sono limitazioni.

Lo spazio è visto come una risorsa naturale, "il nuovo oro", da sfruttare al massimo come l'umanità ha fatto con altre risorse, con conseguenze disastrose per l'ambiente. Le attività spaziali europee non sono valutate per il loro impatto ambientale, anche se le attività umane nello spazio esterno hanno un enorme impatto sull'ambiente sulla Terra e pongono grandi minacce, come mostrato nel nostro articolo del blog UE.

Nel 2020, il governo britannico ha chiesto alle Nazioni Unite di avviare discussioni internazionali per concordare il modo in cui i paesi dovrebbero operare in modo responsabile nello spazio e nel 2021, il nuovo capo dell'Agenzia Spaziale Europea ha esortato i leader europei a intervenire e coordinarsi per evitare che il CEO di SpaceX Elon Musk faccia dell'economia spaziale il suo parco giochi personale.

Ora, la politica spaziale europea dà poca importanza agli impatti ambientali delle attività spaziali. Lo spazio è visto come un'altra risorsa naturale da sfruttare liberamente in una "corsa" contro altri interessi geostrategici ed economici.

SOLUZIONE:


protect environment
Foto: [M]: Hedi Xandt; SABarton / Getty Images / DER SPIEGEL
© 2022 Europeans for safe connections.