Soluzioni

Noi consideriamo ICNIRP viziata

Cosa e chi è l'ICNIRP?

L'ICNIRP è un'associazione privata tedesca che consiste in una commissione composta da un massimo di 14 membri con un background scientifico, la maggior parte dei quali sono strettamente legati all'industria. *1, page 98 suo consiglio hanno una lunga storia di impiego nell'industria telco (direttamente o come consulenti). Uno di questi è Martin Röösli.

Martin Röösli (Svizzera) svolge il suo lavoro principale come professore di epidemiologia ambientale presso l'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale di Basilea. Questo istituto serve molti clienti aziendali, tra cui Swisscom, la più grande azienda di telecomunicazioni della Svizzera. Nel suo rapporto annuale 2019, l'istituto rivela che del bilancio totale di circa 90 milioni di franchi svizzeri, il 78,6% è stato "acquisito in modo competitivo *1, page 98 Martin Röösli è anche membro dell'Autorità svedese per la protezione dalle radiazioni *1, page 96 e svolge un lavoro non retribuito per lo studio COSMOS, che ha ricevuto un forte sostegno finanziario da società di telecomunicazioni. *1, page 98 Inoltre, Martin Röösli è un membro del consiglio di amministrazione dell'organizzazione svizzera FSM, (la Fondazione di ricerca per l'elettricità e le comunicazioni mobili), che è finanziata da società di telecomunicazioni, e riceve finanziamenti da Swissgrid e Swisscomm. *1, page 98 Molti studi selezionati da Röösli o condotti da lui sono stati finanziati direttamente dalla Fondazione di Ricerca Elettricità e Comunicazione Mobile. *1, page 98

Inoltre, Röösli non ha la necessaria competenza medica, biologica o fisica per valutare gli effetti sulla salute delle radiazioni dei telefoni cellulari. In una perizia *2 di Lennart Hardell (professore di oncologia all'Università di Örebro, Svezia) inviata al Consiglio federale svizzero si conclude chiaramente che il Consiglio federale e gli uffici federali competenti per le radiazioni dei cellulari sono completamente mal consigliati dalla disinformazione e dalle false valutazioni del professor Röösli con conseguenze fatali. *1, page 98

Il processo di elezione dei nuovi membri dell'ICNIRP in particolare dovrebbe essere messo in discussione. Si tratta di una procedura di elezione chiusa. Ciò significa che vengono eletti nella commissione ogni quattro anni su proposta dei membri attuali e del Consiglio esecutivo dell'Associazione internazionale per la protezione dalle radiazioni (IRPA). Guardando da vicino le qualifiche dei 13 membri in totale, diventa chiaro che solo pochi sono esperti di RF EMF e possono dare un giudizio professionale su questo argomento.

Linee guida ICNIRP

Le raccomandazioni dell'ICNIRP del 1998 sono state adottate dall'UE nella sua raccomandazione del Consiglio del 1999. Queste raccomandazioni dell'ICNIRP non sono abbastanza complete e si basano su pochi studi selezionati che sono conformi a certe linee guida predefinite dall'ICNIRP, che escludono un gran numero di studi che mostrano effetti avversi dai campi elettromagnetici a radiofrequenza. Le linee guida dell'ICNIRP sono errate perché:

— i parametri bioattivi non sono stati inclusi nelle valutazioni

— l'interazione delle frequenze non è valutata

— l'esposizione totale come somma di campi non è valutata

— gli effetti cumulativi non sono valutati

— il riscaldamento del tessuto è l'unico parametro accettato

Quando tali fattori non sono inclusi, le linee guida per i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza saranno errate e saranno impostate troppo alte per soddisfare l'industria che vuole essere in grado di utilizzare frequenze molto alte per lo sviluppo dei loro prodotti industriali.

E questo è esattamente il caso. In tutto il mondo, le linee guida dell'ICNIRP sono gli standard de facto per l'esposizione sicura alle RF e ai CEM. L'unico problema è che non sono sicure.

Esperti come David Carpenter, professore di medicina ambientale all'Università di Albany, New York, hanno avvertito l'OMS che l'ICNIRP stava ignorando gli studi. Lo scienziato ambientale professor Neil Cherry è stato particolarmente esplicito. Fu incaricato dal governo neozelandese di rivedere la linea guida dell'ICNIRP prima della sua introduzione. A questo scopo scrisse nel 1999 la "ICNIRP Guideline Critique", che è stata ignorata fino ad oggi, ma è rimasta incontestata. La sua conclusione: "La linea guida dell'ICNIRP è difettosa e contraria alla legge. Contiene uno schema di pregiudizi, omissioni e distorsioni deliberate" (https://waveguard.com/strahlenschutzgrenzwerte/).

Cosa NON sono le linee guida ICNIRP

In una conferenza internazionale sui campi elettromagnetici a Londra (2008), il professor Paolo Vecchia, presidente dell'ICNIRP dal 2004 al 2012, ha detto delle linee guida sull'esposizione "Cosa non sono": "Non sono prescrizioni obbligatorie per la sicurezza", "Non sono l'"ultima parola" sulla questione", e "Non sono muri difensivi per l'industria o altri".

Il Comitato economico e sociale europeo ha pubblicato il parere intitolato Secure 5G deployment- EU toolbox. Al punto 4.10 si legge:
"Tuttavia, il CESE nota che gli ICNIRP non sono riconosciuti da tutta la comunità, con alcuni scienziati che promuovono limiti di esposizione della popolazione molto più severi secondo il principio ALARA. Le soluzioni che potrebbero essere proposte per integrare l'infrastruttura di comunicazione 5G includono l'uso di connessioni dati fisse da parte di tecnologie non radio esistenti (cavi Ethernet, fibre ottiche, ecc.), in situazioni in cui l'uso è fisso (ad esempio bancomat, POS bancari, robot industriali, robot medici controllati a distanza, ecc.) e dove operano grandi utenti di trasmissione dati (fornitori di servizi digitali, aziende/imprese, ecc.); IoT Internet of Things presente in luoghi fissi, non mobili (Smart Home, Smart City, sensori su attrezzature di pubblica utilità, ecc.

La proposta di valore limite per il 2020 dell'ICNIRP

L'ICNIRP 2020 ha rivisto le sue raccomandazioni sui limiti per gli operatori mobili emesse nel 1998 per dare legittimità all'esposizione radio che aumenterà con il 5G *3. Ci opponiamo alle modifiche perché:

— ICNIRP insiste solo sul dogma termico

— i meccanismi biologici d'azione sono negati

— l'effetto uditivo è escluso (elenco delle differenze)

— menzionare "Un SAR più alto è richiesto per raggiungere questo aumento di temperatura nei bambini a causa della loro dissipazione di calore più efficiente" è inaccettabile in vista dello sforzo dell'UE di proteggere maggiormente i bambini (ICNIRP 2020, pagina 488)

— introduzione di tessuti di tipo 1 e 2 con aumenti di temperatura accettati di 5°C e 2°C, il che è inaccettabile per noi (ICNIRP 2020, pagina 489).

— La base scientifica delle nuove linee guida non è chiara, dato che la valutazione dei rapporti scientifici dell'ICNIRP non è pubblicata. Solo le dichiarazioni generali sono state rese pubbliche. C'è un'eccezione per quanto riguarda il rapporto dell'NTP sugli studi sulle radiazioni dei telefoni cellulari. Un commento dettagliato dell'ICNIRP è disponibile. In questo commento l'ICNIRP non accetta il risultato di questo studio, anche se la peer review è stata eccezionalmente estesa. Il punto di vista dell'ICNIRP non è generalmente sostenuto né condiviso dall'NTP.

— L'ICNIRP non ha pubblicato alcuna risposta ai commenti ricevuti. I commenti sono annotati sul sito web, la risposta rimane un segreto.

Il Dr. Mutter dice (2020): "Se ci si ammala, ma questo non avviene per il surriscaldamento, allora non ha niente a che fare con le radiazioni dei telefoni cellulari. Per legge, i danni al di sotto del limite ICNIRP sono esclusi; quindi, se qualcuno è danneggiato, l'azione legale è esclusa." *Mutter, page 61

Poiché gli attuali limiti estremamente elevati nella gamma sopra i 10GHz non sono sufficienti per il 5G, l'ICNIRP ha rivisto le sue raccomandazioni. *4 Buchner&Krout, page 124

Poiché l'ICNIRP lavora solo con valori limite medi, è importante sapere che il 5G funziona diversamente. In molti casi con il 5G, il segnale non viene più emesso intorno alla torre della cella come prima, ma si concentra nettamente sull'utente. Vengono emessi flussi di alta energia che hanno un impatto sull'utente e su tutti coloro che si trovano tra la fonte e l'obiettivo. Un grosso problema qui è che l'intensità della radiazione è calcolata come media. Da un punto di vista biologico, invece, i valori di picco sono quelli più importanti. Poiché il 5G utilizza radiazioni intense per trasmettere informazioni in un tempo molto breve, la media significa che gli effetti biologici sono molto sottostimati. *Buchner&Krout, page 124-131

Un esempio: si immerge la mano in acqua temperata a 20 gradi Celsius per 50 secondi e poi in acqua calda a 100 gradi Celsius per 10 secondi; ora possiamo dire che la temperatura media nei 60 secondi misurati era di 33,33 gradi Celsius, che è una temperatura ben tollerata. La parte della vostra pelle che è stata in acqua a 100 gradi per 10 secondi sarà sicuramente scottata, e comunque possiamo dire: "Quello era solo un piccolo picco di 10 secondi".

Alla frequenza di 26 GHz prevista per il 5G, la profondità di penetrazione nel tessuto umano è solo di circa 1,5 mm *Buchner&Krout, page 80, chapter "Was ist bei 5G anders?", che è associato con un aumento della temperatura locale di 2,51 gradi Celsius *Buchner&Krout, page 125, dopo tre minuti un aumento di 4,14 gradi Celsius, e dopo 6 minuti gli occhi sarebbero riscaldati da un aumento di almeno 5,7 gradi Celsius.

I danni all'occhio e l'offuscamento del cristallino potrebbero essere il risultato, così come lo sviluppo del cancro alla pelle *Buchner&Krout, page 125

Lo studio NTP

In un programma del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, 3080 topi e ratti sono stati esposti a diversi livelli di radiazioni di telefoni cellulari per tutta la vita. Questo ha mostrato chiaramente e statisticamente in modo significativo che i ratti maschi hanno sviluppato più tumori nel cuore (schwannomi) e nel cervello (gliomi) rispetto al gruppo di controllo.

L'ICNIRP reagì a questo studio sostenendo che lo studio non era stato condotto correttamente e che quindi non se ne poteva trarre alcuna conclusione. *Buchner&Krout, page 134 Anche il Prof. James C. Lin dell'Università dell'Illinois a Chicago, che è stato membro dell'ICNIRP per 12 anni, ha contraddetto questo. Ha definito questo studio una chiara prova dell'effetto cancerogeno delle radiazioni dei telefoni cellulari. Il Prof. Lin aveva pubblicato questo in una rivista del settore e così ha messo a tacere l'ICNIRP. Oggi, lo studio NTP, insieme allo studio Ramazzini, è considerato una prova convincente degli effetti cancerogeni delle radiazioni radio. *Buchner&Krout, page 135 Questo è un esempio di come l'ICNIRP sia inaffidabile nella valutazione degli studi e scelga solo quelli che sono d'accordo con la sua visione.

L'ICNIRP confuta gli studi che non utilizzerà per stabilire i limiti sollevando dubbi sulla validità dello studio. Come esempio, l'ICNIRP ha fatto una valutazione di uno studio in cui la conclusione è presumibilmente "poco chiara" e gli effetti mutageni provati dei CEM sono messi in dubbio:

Nel caso delle cellule dei tessuti molli come le ghiandole, il tessuto connettivo, ecc., l'effetto dannoso ereditario delle radiazioni radio può essere osservato molto chiaramente, ma non così nel caso delle cellule muscolari. Ma l'ex organo consultivo scientifico SCENIHR della Commissione UE, che comprendeva diversi membri dell'ICNIRP, ha semplicemente mischiato gli studi sulle cellule muscolari, dove non è stato riscontrato alcun effetto, con quelli sulle cellule dei tessuti molli e ha sostenuto che la situazione scientifica non era chiara perché gli esperimenti erano contraddittori. *Buchner&Krout, page 135

Questo è un modo altamente incompetente di trattare gli studi scientifici; il suddetto "studio sulle cellule" o i suoi risultati sono stati ovviamente interpretati in modo impreciso e alla fine sono stati considerati "poco chiari". Gli studi con risultati "poco chiari" non vengono utilizzati per valutare i CEM e permettono alle compagnie di telefonia mobile di rispettare i loro limiti.

Come è stato dimostrato chiaramente sopra, l'associazione privata ICNIRP da sola non è in grado di determinare e raccomandare valori limite sicuri per l'ambiente e la popolazione.

icnirp
Potete trovare una fonte animata del 2019, dove potete aprire interconnessioni di persone o spiegazioni di abbreviazioni: https://www.kumu.io/Investigate-Europe/the-scientists-and-the-organisations#conflict-of-interest/icnirp

1 Michèle Rivasi & Klaus Buchner, 2021, Wirkungen des Mobil- und Kommunikationsfunks, Eine Schriftreihe der Kompetenzinitiative zum Schutz von Mensch, Umwelt und Demokratie e.V.

2 https://ägerital.5gfrei.ch/de/de-gutachten-schweizer-bundesrat-interessenkonflikte-anstatt-schutz-vor-mobilfunk

3 Dr. med. Joachim Mutter in his book "5G, Die geheime Gefahr", 2020 page 60

4 Prof. Dr. Klaus Buchner & Dr. med. Monika Krout, 5G Wahnsinn, 2021


This is a 15 minutes video in english on the publication from the International Commission on the Biological Effects of Electromagnetic Fields (ICBE-EMF).
Video can be also found at the bottom of their activities:
https://icbe-emf.org/activities
© 2024 Europeans for safe connections.