Protezione dei nostri dati

Proposta 19

Avviare una valutazione d'impatto degli effetti del 5G, compresi gli oggetti e i corpi connessi, sulla protezione dei dati personali e valutare la conformità rispetto alle attuali leggi sulla protezione dei dati.


Detailed explanation

Il 5G, sia come standard di telefonia mobile che come protocollo di comunicazione tra i miliardi di oggetti connessi, che si annuncia inizieranno a circondarci, moltiplicherà i trasferimenti di dati, con volumi più elevati che permetteranno una migliore definizione (immagine, video e voce).

L'articolo 35 della Regolamento generale sulla protezione dei dati prevede la possibilità di valutazioni d'impatto sulla protezione dei dati (DPIA) a livello di un'organizzazione che raccoglie dati personali. Questo si riferisce specificamente al trattamento dei dati personali utilizzando nuove tecnologie che possono comportare un rischio elevato per i diritti e le libertà fondamentali delle persone.

Chiediamo che tale valutazione sia condotta regolarmente, ogni anno, e per ogni stato membro dell'UE man mano che il 5G viene introdotto sia come standard mobile che come protocollo di comunicazione tra i miliardi di oggetti connessi che sono stati annunciati.

Ciò richiede la modifica dell'articolo 35 della GDPR sulla base dell'articolo 16 della Trattato sull'Unione europea (TUE)
in modo che questo tipo di valutazione d'impatto possa essere avviata a livello degli Stati membri dell'UE, su richiesta di un terzo.

Il Comitato economico e sociale europeo ha pubblicato il parere intitolato Secure 5G deployment- EU toolbox. Punto 2.16 si legge:
"...dato che le reti 5G saranno in gran parte basate sul software, le principali falle di sicurezza, come quelle derivanti da processi di sviluppo software scadenti dei fornitori di apparecchiature, potrebbero rendere più facile per gli attori inserire intenzionalmente backdoor nei prodotti e renderli anche più difficili da rilevare. Questo può aumentare il potenziale per il loro uso di avere un impatto negativo particolarmente grave e diffuso. Mentre i problemi di cybersecurity del 4G non sono ancora stati completamente risolti, i problemi del 5G potrebbero crescere esponenzialmente."

Al punto 4.15 si legge:
"Il CESE ha suggerito di passare dai concetti di proprietà dei dati a una definizione dei diritti sui dati per gli individui e le persone giuridiche. I consumatori dovrebbero avere il controllo dei dati prodotti dai dispositivi connessi in un modo che garantisca la privacy dei consumatori insieme all'accessibilità, all'interoperabilità e al trasferimento dei dati, assicurando al contempo un'adeguata protezione dei dati e la riservatezza, una concorrenza leale e una scelta più ampia per i consumatori."Questo movimento deve essere valutato prima!

L'iniziativa Next Generation Internet è progettata per creare un internet degli esseri umani che risponda ai nostri bisogni fondamentali, tra cui la fiducia, la sicurezza e l'inclusione."La questione della fiducia è diventata centrale, in seguito alle rivelazioni sullo sfruttamento dei dati personali, la sicurezza informatica su larga scala e le violazioni dei dati, e la crescente consapevolezza della disinformazione online."

Prima di qualsiasi uso di dati personali per il trattamento, una persona fisica deve dare il suo consenso mediante una dichiarazione o un atto positivo chiaro, libero, specifico, informato e inequivocabile (articolo 4 punto 11 del Regolamento generale sulla protezione dei dati GDPR).

Attualmente, questo consenso è raccolto in modo molto parziale, imponendo la sua raccolta per ogni sito consultato, il che è molto oneroso sia per l'utente che per la struttura di raccolta senza alcuna garanzia di seguito sostenibile delle scelte fatte. E i diritti personali ad esso collegati, garantiti dal GDPR, impongono anche procedure molto pesanti per la loro attuazione:

  • Diritto di essere informato sull'uso dei nostri dati
  • Diritto di accesso: conoscere i dati che un'organizzazione detiene su di noi (art 15)
  • Diritto di opposizione: rifiutare l'uso dei nostri dati (art 21)
  • Diritto di rettifica: correggere le nostre informazioni (art 16 e 19)
  • Dare ferenziazione del contenuto in un motore di ricerca (art 17)
  • Diritto di cancellazione: cancellare i nostri dati online (art 17)
  • Diritto alla portabilità: ottenere e riutilizzare una copia dei nostri dati (art 20)
  • Diritti all'intervento umano di fronte alla nostra profilazione o a una decisione automatizzata (art 22)
  • Diritto di limitare il trattamento: congelare l'uso dei nostri dati (art 19).

Nel contesto del 5G e l'uso di oggetti e corpi connessi, in particolare nella telemedicina, quando si utilizza il riconoscimento facciale o vocale, ecc, queste prove di consenso saranno ancora più difficili da raccogliere.

© 2022 Europeans for safe connections.