Protezione del nostro ambiente

Proposta 11

Aggiornare la direttiva 2011/92/UE per includere la diffusione del 5G e tutte le telecomunicazioni come progetti nell'allegato 1 per garantire che tali progetti siano sottoposti a una valutazione ambientale o a uno screening come previsto dalla direttiva.


Spiegazione

La direttiva 2001/42/CE sulla valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente menzionai "...una valutazione ambientale deve essere effettuata per tutti i piani e programmi...che sono preparati per...le telecomunicazioni..."

Pertanto, la direttiva 2011/92/UE sulla valutazione dell'impatto ambientale di alcuni progetti pubblici e privati deve essere aggiornata e includere tutte le telecomunicazioni, compreso il 5G.

Il riferimento alla scienza pertinente può essere trovato nel parere legale sul 5G dell'avvocato danese Christian F. Jensen e la conclusione: "La creazione e l'attivazione di una rete 5G - come è attualmente descritta - contravverrà alle attuali leggi umane e ambientali sancite dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del bambino, i regolamenti dell'UE e le convenzioni di Berna e Bonn che proteggono l'habitat naturale e le specie migratorie".

L'Ombudsman spagnolo ha stabilito che il piano d'azione nazionale 5G spagnolo non ha preso in considerazione gli aspetti ambientali. L'Ombudsman ha preso posizione sul piano di implementazione del 5G in seguito alla denuncia presentata da AVAATE e la conclusione è chiara: l'implementazione della tecnologia 5G in Spagna non è stata oggetto di una valutazione ambientale preventiva da parte delle autorità.

Nella decisione firmata dal Mediatore Francisco Fernández Marugán si sottolinea che il Ministero, attraverso il suo Segretario di Stato, ha ignorato vari articoli della legge 21/2013 di valutazione ambientale, evitando di consultare il progetto di piano 5G e i progetti pilota 5G per l'organismo ambientale corrispondente. Come afferma il Mediatore, i progetti pilota realizzati utilizzeranno una banda di frequenza per la quale non sono ancora stati fissati limiti di esposizione sicuri, il che è qualcosa che è totalmente contrario al principio di precauzione.

Introduzione del 5G basata sulla distribuzione illegale delle competenze

Tuttavia, l'UE ha cambiato drasticamente le condizioni tecniche per la diffusione del 5G eliminando la competenza degli Stati membri e dichiarando vari dispositivi tecnici esenti da permesso secondo il regolamento 2020/1070. In questo modo le leggi ambientali locali sono scavalcate e l'industria può installare qualsiasi tipo di dispositivo, non importa quanto dannoso per l'ambiente.

Questa strategia ha reso possibile l'installazione delle reti 5G in Europa senza valutazioni preventive dell'impatto sulla salute e sull'ambiente, e poiché è stata resa obbligatoria l'attuazione, gli Stati membri non hanno più avuto voce in capitolo in questo settore. Mentre le varie attività dell'ambiente sono di solito soggette a valutazioni d'impatto locale, l'esposizione dell'ambiente alle radiazioni, comprese le pericolose radiazioni RF EMF, e gli impatti della digitalizzazione ne sono esenti. Pertanto gli Stati membri non possono adempiere al loro obbligo di proteggere il pubblico da tale esposizione, anche se la legge nazionale richiede loro di garantire un ambiente sano e sicuro per le persone che vi abitano.

La costruzione di infrastrutture 5G non è solo una questione di nuova tecnologia, ma coinvolge anche l'ambiente e la salute pubblica. L'UE ha una competenza condivisa in questi settori e quindi non può andare oltre le proprie competenze e abolire la competenza degli Stati membri come descritto sopra.

Proponiamo che la competenza originariamente data agli Stati membri per valutare gli impatti ambientali del rilascio di campi elettromagnetici a radiofrequenza nell'ambiente sia ripristinata in modo che rientri nel diritto nazionale e possa essere sottoposta a una valutazione preliminare di impatto da parte di un'autorità nazionale.

Quindi la direttiva 2018/1972 e il regolamento 2020/1070 dovrebbero essere aboliti o cambiati in una raccomandazione.

L'associazione AVAATE (Asociación vallisoletana de afectados por antenas de Telecomunicaciones) nel nord-ovest della Spagna ha presentato una denuncia all'Ombudsman sulla mancanza di approvazione ambientale del piano d'azione nazionale 5G.

Gli argomenti legali della nostra proposta sono:

  • Articolo 3 del Trattato sull'Unione europea: "L'Unione instaura un mercato interno. Si adopera per lo sviluppo sostenibile dell'Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, e su un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell'ambiente. Promuove il progresso scientifico e tecnologico."
  • Articolo 35 del Carta dei diritti fondamentali dell'UE 2012/C 326/02 Assistenza sanitaria: "Ogni individuo ha il diritto di accedere alla prevenzione sanitaria e di ottenere cure mediche alle condizioni stabilite dalle legislazioni e prassi nazionali. Nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche ed attività dell'Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana."
  • Articolo 37 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE 2012/C 326/02 Protezione dell'ambiente: "Un livello elevato di protezione dell'ambiente e il miglioramento della qualità dell'ambiente devono essere integrati nelle politiche dell'Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile"
© 2024 Europeans for safe connections.