Protezione del nostro ambiente

Proposta 14

Aggiornare la direttiva sulla progettazione ecocompatibile dal 2009 stabilendo limiti rigorosi per lo spreco di risorse ed energia di tutti i dispositivi connessi, comprese le antenne e i satelliti.


Spiegazione

Il lancio del 5G dovrebbe portare sul mercato una pletora di nuovi dispositivi interconnessi, la maggior parte dei quali sostituirà i loro predecessori. Così, il ciclo di acquisto del nuovo e di smaltimento del vecchio viene notevolmente potenziato. Invece di ridurre l'impatto ambientale e risparmiare energia ci sarà un'intera nuova industria che costruirà migliaia di satelliti, nuove generazioni di antenne in quantità esplosiva, dispositivi elettronici come centinaia di milioni di telefoni cellulari, tablet e così via.

La direttiva 2009/125/CE sulla progettazione ecocompatibile è una direttiva di diritto europeo che stabilisce i requisiti per la progettazione ambientale dei "prodotti connessi all'energia" (ErP) nel mercato interno comune dell'Unione Europea.

La revisione del 2009 della direttiva ha esteso il suo campo di applicazione ai prodotti legati all'energia come le finestre, i materiali isolanti e alcuni prodotti che consumano acqua.

L'obiettivo finale della direttiva sulla progettazione ecocompatibile è che i produttori di prodotti che consumano energia (EuP) saranno obbligati, nella fase di progettazione, a ridurre il consumo energetico e altri impatti ambientali negativi dei prodotti. Mentre l'obiettivo primario della direttiva è quello di ridurre l'uso di energia, essa mira anche a prendere in considerazione altri fattori ambientali: l'uso dei materiali, l'uso dell'acqua, le emissioni inquinanti, i problemi di rifiuti e la riciclabilità. Ad oggi, più di 40 prodotti rientrano in questa direttiva.

Chiediamo alla Commissione UE di includere tutti i gruppi di dispositivi che accompagnano la digitalizzazione, specialmente quelli elencati nel primo paragrafo, nella direttiva Ecodesign, al fine di migliorare la loro efficienza energetica e delle risorse, nonché la loro sicurezza energetica e la riduzione della domanda di risorse naturali.

Secondo il nuovo piano d'azione dell'UE per l'economia circolare, tutti i dispositivi elettronici, specialmente quelli utilizzati per la digitalizzazione, dovrebbero anche essere resi "adatti a un'economia circolare neutrale dal punto di vista del clima e delle risorse, ridurre i rifiuti e garantire che le prestazioni dei leader nella sostenibilità diventino progressivamente la norma" La direttiva Ecodesign è un possibile punto di collegamento per questi obiettivi.

Considerate sempre che le connessioni cablate offrono un enorme risparmio energetico rispetto al Wi-Fi senza sacrificare il comfort.

L'UE è competente a proteggere l'ambiente attraverso il principio di precauzione nell'articolo 191 del Trattato sull'Unione europea.

polluted earth
© 2022 Europeans for safe connections.