Protezione del nostro ambiente

Proposta 16

Includere il monitoraggio di tutti i parametri biologicamente dannosi dei campi elettromagnetici a radiofrequenza nei programmi di monitoraggio ambientale, nella strategia per la biodiversità 2030, negli obiettivi di ripristino della natura dell'UE, nelle direttive Habitat e Uccelli e in Natura 2000.


Spiegazione

Centinaia di studi scientifici peer-reviewed indipendenti dall'industria indicano fortemente che diversi parametri RF EMF causano effetti biologici a livelli di radiazione inferiori ai valori limite attuali. Il livello di radiazione aumenterà con la diffusione del 5G (rif. Planetary electromagnetic pollution: it is time to assess its impact pubblicato in www.thelancet.com).

Il parere legale sul 5G dell'avvocato Christian F. Jensen conclude che la diffusione del 5G contravverrà alle leggi ambientali in vigore (direttiva Habitat e Uccelli) nei regolamenti dell'UE e alle convenzioni di Berna e Bonn che proteggono l'habitat naturale e le specie migranti.

La biodiversità è in declino. Più del 75% di declino in 27 anni nella biomassa totale degli insetti volanti nelle aree protette deve essere causato da inquinanti diversi da quelli già misurati. *1

Il Comitato economico e sociale europeo ha pubblicato il parere intitolato Secure 5G deployment- EU toolbox. Ai punti 1.4 e 4.3 si legge:
"... Il CESE chiede alla Commissione di monitorare rigorosamente i progressi nella diffusione e nell'uso reale del 5G e invita gli Stati membri ad accelerare ulteriormente il processo e a garantire un'attuazione responsabile, provvedendo a tutti gli aspetti di sicurezza, compresi quelli relativi all'impatto della tecnologia 5G sulla salute pubblica e sugli ecosistemi viventi, l'impatto sociale ed economico, l'impatto sulla concorrenza, l'istruzione e la formazione, e garantendo il rispetto dei diritti fondamentali. "

Argomento legale per la nostra proposta:

  • Articolo 3 (3) del Trattato sull'Unione europea: "L'Unione instaura un mercato interno. Si adopera per lo sviluppo sostenibile dell'Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, e su un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell'ambiente. Promuove il progresso scientifico e tecnologico. "
  • Articolo 21 (f) del Trattato sull'Unione europea: "contribuire a sviluppare misure internazionali per preservare e migliorare la qualità dell'ambiente e la gestione sostenibile delle risorse naturali mondiali, al fine di garantire uno sviluppo sostenibile"
  • Articolo 13 della Trattato sull'Unione europea Questa disposizione è importante sotto due aspetti:
    • riconosce gli animali come "esseri senzienti”
    • impone all'Unione e ai suoi Stati membri, nel (i) formulare e (ii) attuare le politiche dell'Unione in alcuni settori chiave, di tenere "pienamente conto delle esigenze di benessere degli animali"
  • Secondo l'articolo 191 del trattato Trattato sull'Unione europea la politica dell'Unione contribuisce a preservare, proteggere e migliorare la qualità dell'ambiente e "promuove sul piano internazionale misure destinate a risolvere i problemi dell'ambiente a livello regionale o mondiale". La politica dell'Unione "è fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente e sul principio "chi inquina paga".
  • Gli articoli 192 e 193 della Trattato sull'Unione europea
  • L'articolo 37 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE 2012/C 326/02
  • Direttiva 92/43/CE (Direttiva Habitat)
  • Direttiva 2009/147/CE (Direttiva Uccelli)

In base a tutto ciò, l'Unione deve intraprendere immediatamente un'azione legale per proteggere la natura e la fauna selvatica in tutti i paesi dell'UE. L'Unione deve tener conto dei dati scientifici e tecnici disponibili e dei potenziali benefici e costi dell'azione o della mancanza di azione.

Note a piè di pagina

1 Hallmann et al, 2017: More than 75 percent decline over 27 years in total flying insect biomass in protected areas; https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0185809

butterfly
© 2022 Europeans for safe connections.